Opus Incertum nell’emergenza COVID-19

Community Message:

 
Cari Colleghi e Amici,
 
In questo momento di emergenza – sanitaria, ma anche economica, sociale, civile – il compito e il ruolo della ricerca sono quanto mai preziosi. In primo luogo la ricerca condotta dalle scienze mediche e biologiche, come è ovvio, senza tuttavia dimenticare che tutte le discipline possono e devono contribuire ad alleviare una crisi dagli esiti e dai risvolti ancora incogniti. Le scienze storiche, in particolare, sono chiamate anche stavolta al compito che gli è sempre stato proprio: conoscere il passato per interpretare il presente e aiutare nella costruzione del futuro.
Dal proprio specifico ambito disciplinare, Opus Incertum continua pertanto a svolgere il proprio compito, anche in questo periodo di sospensione. Lavoro degli autori e dei responsabili scientifici, processi di peer review, editing, cura grafica, attività editoriali e programmazione dei prossimi numeri si stanno svolgendo in questi mesi quasi senza rallentamenti, grazie alla disponibilità e all’impegno di una comunità di studiosi e di tecnici ai quali va il sentito ringraziamento della rivista.
Opus Incertum, inoltre, partecipa con una call straordinaria all’iniziativa Tackling COVID-19 lanciata da Firenze University Press, allo scopo di incoraggiare e diffondere gli studi che aiutino a comprendere le risposte date nel passato, in termini architettonici, al problema del distanziamento e del confinamento per ragioni sanitarie.
Mai come in questo periodo di forzato isolamento, infine, è apparsa opportuna la scelta di collocare la rivista nell’ambito dell’open access, affiancando alla tradizionale versione cartacea la possibilità di scaricare gli articoli in formato pdf, senza restrizioni. Questo consente a tutti di accedere facilmente e gratuitamente ai contenuti di Opus Incertum anche in questo periodo di chiusura delle biblioteche e di limitazioni negli spostamenti. Opus Incertum, dunque, continua anche nell’emergenza a rimanere vicina agli autori e ai lettori. 
Gianluca Belli

SPECIAL CALL FOR PAPERS ON COVID-19

Malattia, distanziamento/confinamento, luoghi di cura

Illness, distancing/confinement, places of treatment

DEADLINE 31 Jul 2020 | PDF or visit our Call for papers section for more info and submit your paper.


 

ISSN 2035-9217 (print)
ISSN 2239-5660 (online)

Opus Incertum è la rivista di storia dell’architettura del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze. Fondata nel 2005, Opus Incertum intende costituire uno strumento di promozione e di diffusione della ricerca nel campo della storia dell’architettura e della città, intese nell’accezione più ampia del termine per quanto riguarda sia gli ambiti cronologici e geografici, sia quelli tematici. La rivista accoglie infatti contributi di studiosi italiani e stranieri specialisti nella disciplina, con l’obiettivo di stimolare, favorire lo sviluppo e rendere noti i risultati di ricerche originali, senza escludere nessun taglio metodologico che si basi su un rigoroso approccio scientifico. Lo scopo è quello di offrire prospettive inedite e nuovi approfondimenti conoscitivi su temi generali o su argomenti specifici riguardanti l’ambito disciplinare della rivista.
 
Editor-in-Chief:
Emanuela Ferretti, Università degli Studi di Firenze, Italy